Scegli un negozio
Mostra tutti i negozi

Basta secchio e spazzolone, passa alla lavapavimenti

Maria Chiara Candiago1 MARZO 2022

Perché fare tanta fatica per pulire i pavimenti quando con un unico elettrodomestico si possono ottenere superfici perfettamente spazzate, lavate e asciutte? Abbandoniamo la scopa, il secchio con l’acqua e il detergente e lasciamo che dei pavimenti si occupino le lavapavimenti di ultima generazione

Se il solo pensiero di lavare i pavimenti richiama alla mente l’immagine di Cenerentola china a terra a strofinare con straccio, secchio e spazzolone, magari senza neppure il sollievo del canto degli uccellini disneyani attorno, è perché forse non abbiamo mai provato una lavapavimenti. Un elettrodomestico a torto sottovalutato, forse perché non se ne intuisce la vera forza, che è quella di semplificare un lavoro noioso e faticoso che, piaccia o meno, prima o poi va affrontato. Non solo le lavapavimenti alleviano la fatica di lavare, ma più precisamente possono ridurla fino a un terzo, perché in molti casi non lavano soltanto, ma aspirano e asciugano come se si usassero tre elettrodomestici insieme.

Lavapavimenti e non solo

accessorio lavapavimenti specchio vapore

A dispetto del loro nome, infatti, le lavapavimenti di ultima generazione non si occupano solo di lavare le superfici, ma possono anche assolvere la triplice funzione di aspirare, lavare e infine asciugare. Tutto in pochi passaggi che di fatto annullano secchio, spazzolone, detergente e panno, sostituendoli con un unico apparecchio che svolge egregiamente i suoi compiti. Come fa una lavapavimenti a garantire tutte queste prestazioni da favola? La lavapavimenti utilizza due serbatoi, uno per l’acqua pulita e l’altra per raccogliere quella sporca. Il primo stadio della pulizia prevede l’aspirazione dello sporco, che viene  convogliato in un contenitore apposito; i migliori modelli utilizzano l’efficiente tecnologia ciclonica di aspirazione. Quindi si passa al lavaggio, che avviene con delle spazzole rotanti o, in alcuni modelli, con panni resistenti in microfibra e nylon: questi ricevono acqua pulita e detergente a livello delle spazzole rotanti. Nel caso delle lavapavimenti a vapore, il detergente non viene nemmeno utilizzato, basta la forza igienizzante del solo vapore. Infine, l’ultima fase è l’asciugatura: la lavapavimenti toglie i liquidi in eccesso attraverso un sistema di raccolta dell’acqua sporca dal pavimento (tergipavimento), togliendo l’acqua in eccesso e riducendo il tempo di asciugatura.

Diverse tipologie per la massima versatilità

accessorio lavapavimenti vapore sanificare

Di fatto, i modelli di lavapavimenti in commercio consentono di assecondare tutte le esigenze di pulizia: c’è l’imbarazzo della scelta tra scope a vapore e lavapavimenti robot, entrambi dotati anche di funzione di aspirazione dello sporco: nel primo caso, il vantaggio è l’igienizzazione delle superfici, nel secondo l’autonomia e la comodità di un pulito programmato e quotidiano. Le più recenti tendenze del pulito vogliono, inoltre, che le scope a vapore siano veri e propri elettrodomestici “trasformabili” in comodi generatori di vapore portatili, per pulire e sanificare ogni tipo di superficie trattabile a vapore grazie a diversi e vari accessori che garantiscono un pulito a 360°. Non c’è storia. Con la lavapavimenti il verdetto è chiaro: più operazioni in una sola passata, tutti i passaggi senza mai cambiare attrezzi, tanti accessori per renderle versatili e multitasking, meno tempo sprecato, fatica ridotta all’osso. Proprio una favola!

Lavapavimenti, qual è il tuo tipo?

Le lavapavimenti non sono tutte uguali; esistono diverse tipologie, proprio per adattarsi alle esigenze personali: scope, lavapavimenti a vapore e robot. Il lavaggio può avvenire con panni in microfibra, con vapore, o con un sistema a rulli con acqua e detergente. Ecco le più comuni ed efficienti tipologie. 

lavapavimenti 3 in 1 vapore

Lavapavimenti 3 in 1

Ideale per chi cerca una soluzione unica ed efficiente per svolgere le faccende di casa nel minor tempo possibile. Aspirano, lavano e asciugano. Funzionano con un sistema a doppio serbatoio di acqua, rulli pulenti e sistema di aspirazione. 

lavapavimenti vapore

Lavapavimenti a vapore

Per chi non si accontenta del semplice pulito, ma vuole anche igienizzare e sanificare le superfici, eliminando batteri e germi. Alcune lavapavimenti utilizzano la forza del vapore, un efficacissimo ed ecologico metodo sgrassante e igienizzante. Il vapore, infatti, può risultare utile in molte situazioni, per esempio per pulire bene e velocemente superfici molto sporche come le terrazze o i balconi, o dove ci sono macchie di cibi grassi o sporco incrostato. Le lavapavimenti a vapore possono essere dotate di funzione di aspirazione, o di sola generazione di vapore. 

robot lavapavimenti

Robot lavapavimenti

Per chi vuole autonomia e programmazione e pavimenti sempre puliti e lavati anche tutti i giorni, con il minimo sforzo. Tralasciando i robot aspirapolvere, i modelli che lavano effettuano la pulizia in due modi: 

LAVAGGIO + ASPIRAZIONE: robot lavapavimenti che lavano le superfici, dopo aver aspirato lo sporco. 

PULIZIA A UMIDO: alcuni robot utilizzano un panno morbido e resistente, che viene applicato a una banda magnetica. 



L'elettrodomestico che fa risparmiare

lavapavimenti vapore

FATICA: nessun secchio pesante da sollevare, nessun piegamento della schiena, nessuno strofinio o sfregamento sullo sporco ostinato, nessun risciacquo del panno sporco nel secchio. Con la lavapavimenti, tutto questo appartiene al passato. Inoltre, i pulsanti di avvio/potenza sono tutti a portata di “manico”, i serbatoi d’acqua sono rimovibili con un semplice click, la struttura sempre più leggera dei modelli più evoluti ne facilita la manovrabilità anche sulle superfici verticali e infine le teste orientabili fino a 180°ne rendono l’uso facile in ogni angolo e sotto i mobili bassi. 

SPAZIO: perché un solo elettrodomestico di fatto ne riassume due (soluzione ideale per chi vive in abitazioni piccole o ha un piccolo ripostiglio, o non lo possiede affatto); inoltre le lavapavimenti di ultima generazione sono tutt’altro che ingombranti, ma hanno un design sottile che li rende facilmente stivabili anche dietro una porta o in un piccolo ripostiglio.

ACQUA: con il classico secchio la quantità di acqua utilizzata è molto maggiore, considerando che ad ogni lavaggio si deve cambiare quella sporca e riempirlo di nuovo con quella pulita per effettuare il risciacquo; 

DETERSIVO: ne basta davvero poco, anzi nei casi della lavapavimenti a vapore non serve nemmeno, e l’ambiente ringrazia. 

TEMPO: la lavapavimenti lascia più tempo a disposizione, eliminando alcune noiosissime caratteristiche del lavaggio tradizionale con spazzolone e secchio.

Le buone regole per un ottimo acquisto 

Prima di procedere all’acquisto di una lavapavimenti, è bene porsi le giuste domande che potrebbero rendere l’acquisto effettivamente utile: per esempio, cosa cerchiamo in una lavapavimenti? Un elettrodomestico “specializzato” solo nel lavaggio, nella igienizzazione e sanificazione, o un modello “all in one” che svolga più operazioni in una sola?

lavapavimenti accessori vapore

Tipologia - Non tutti i modelli sono dotati di funzione aspirazione: è bene dunque verificare al momento dell’acquisto se la lavapavimenti può anche aspirare lo sporco prima di lavare. Chi cerca autonomia e programmazione anche nelle pulizie di tutti i giorni, può rivolgersi a un robot lavapavimenti; si desidera un pulito anche perfettamente igienizzato? Allora meglio orientarsi sul vapore; l’esigenza è soprattutto un apparecchio versatile e snello? La scopa lavapavimenti multifunzione può essere un’ottima scelta.

Design ed ergonomia - La maneggevolezza è un parametro chiave: più la lavapavimenti è snella, più facile sarà muoversi per la casa, pulendo in ogni angolo e in posizioni anche “complesse”. Importante anche osservare se la testa è sufficientemente flessibile ed eventualmente anche snodabile in altezza e se è prevista l’utile funzione di parcheggio, molto comoda mentre si fanno pause, oltre che per riporla in ripostiglio. 

lavapavimenti karcher

Dimensioni e peso - Essendo un elettrodomestico che ci si porta in giro per tutta la casa e che a volte è utilizzato anche per pulire in verticale, per esempio per tende e vetri, più è leggero tanto meglio è. 

Potenza - Espressa in watt, è un parametro importante ma non esclusivo dell’efficienza di una lavapavimenti. Un valore sui 1300 W è più che accettabile, specialmente per garantire, per esempio, il riscaldamento rapido dell’acqua per produrre vapore e l’attivazione dell’elettrodomestico in pochi secondi.

Capacità del serbatoio - Parametro importante soprattutto per i modelli a vapore. La maggior parte delle lavapavimenti a vapore utilizza serbatoi di capacità compresa fra 400 e 700 ml, per un’autonomia che va dai 20 ai 40 minuti circa. Le caldaie estraibili permettono di aggiungere acqua quando serve, rendendoli efficienti per lungo tempo nell’uso.

lavapavimenti accessori

Presenza del vapore - Alcuni modelli sono specializzati nella pulizia a vapore. È la scelta giusta per chi cerca un pulito anche igienizzato, cioè una lavapavimenti che oltre a sciogliere lo sporco più ostinato, elimini anche batteri, acari e sostanze dannose per la salute. Nella scelta di una lavapavimenti vapore, può essere utile verificare la presenza di un tasto extra vapore, un potente getto di vapore per debellare le macchie particolarmente ostiche. 

Presenza accessori - Più sono, meglio è. Alcune lavapavimenti si trasformano in lavavetri o pulitori a vapore che consentono di pulire superfici di vario genere, dai pavimenti ai vetri ai sanitari, agli stipiti, ecc.

Funzioni speciali - Alcuni modelli “hi-tech” possiedono sul manico funzioni automatiche come Autoselect che seleziona automaticamente mediante la pressione di un tasto il tipo di superficie da trattare.

lavapavimenti robot

Consumo energetico - La maggior parte delle lavapavimenti più evolute possiede spesso e volentieri una funzione Eco, per consumare meno energia, garantendo comunque una certa potenza.

Facilità di pulizia - Bisognerebbe verificare che tutte le componenti della lavapavimenti, filtri,  serbatoio, rulli e così via, siano accessibili, montabili e lavabili con facilità

Funzionamento cordless - Le lavapavimenti  possono essere alimentate a  batteria e a cavo. I modelli cordless di ultima generazione sono dotati di notevole autonomia grazie a batterie sempre più potenti che permettono, in alcuni casi, di pulire anche un’intera abitazione di medie dimensioni con un’unica ricarica. Nel caso del cavo, verificare che sia di una lunghezza adatta a muoversi senza impicci per la casa: 8-10 metri, per esempio, è una buona lunghezza.