• Guida all'acquisto

DRONE MANIA: tutti i consigli per scegliere quello giusto

La passione per i droni è ormai scoppiata da tempo. Non solo sono dispositivi con cui divertirsi nelle giornate estive ma anche utili in alcune attività quotidiane e nel cinema. Bisogna saperlo usare e soprattutto conoscere le regole di circolazione per non incorrere in eventuali problemi

I droni sono diventati ormai dispositivi di uso comune, adoperati oltre che in attività ludiche e di svago anche in numerosi settori professionali che comprendono il cinema, la fotografia, l’edilizia e l’agricoltura. Con il termine drone si intende nello specifico un aeromobile a pilotaggio remoto, ovvero un velivolo senza personale a bordo la cui rotta è controllata a distanza, tramite radiocomando, da un pilota. Ciò che ha reso i droni popolari tra appassionati e hobbisti negli ultimi anni sono stati fondamentalmente due fattori: semplicità d’uso e possibilità di portare il proprio sguardo in posti altrimenti difficili da raggiungere, grazie alla presenza di una videocamera a bordo o di un alloggiamento dedicato al trasporto di una action cam. A contribuire al successo dei mini velivoli è stata senza dubbio anche l’opportunità di pilotare e osservare in tempo reale le acrobazie compiute in aria dal drone attraverso smartphone e tablet. Le proprietà fotografiche e documentaristiche di tali apparecchi hanno infatti stimolato e incentivato migliaia di sportivi ad immortalare le proprie avventure, appassionati di fotografia a ritrarre scenari inediti precedentemente inaccessibili, registi in erba ad effettuare riprese panoramiche ottenibili in passato solo con strumentazione sofisticata. Tutto si è tradotto in una vera e propria mania, facendo approdare sul mercato una nutrita schiera di prodotti con prezzi variabili, da poche decine di euro a diverse centinaia.  

 

Il drone perfetto per le proprie esigenze

Al fine di scegliere il modello adatto alle proprie esigenze è necessario considerare dunque alcune caratteristiche: per scattare foto e girare video di qualità, ad alta quota, bisognerà orientarsi su modelli dotati di sensore 4K, con stabilizzatore gimbal a 3 assi che attutisce le vibrazioni e consente di ruotare la camera durante le riprese. Per lo sport sono disponibili modelli in grado di seguire letteralmente il soggetto dopo aver impostato il percorso, grazie alla funzionalità di GPS Tracker, ed evitare gli ostacoli tramite i sensori a bordo. Se si è interessati più all’aspetto ricreativo e ci si vuole divertire senza troppe pretese meglio orientarsi su un modello semplice da gestire, soprattutto se ci si affaccia per la prima volta in questo mondo.




TECNOLOGIA A BORDO

I droni per librarsi in aria senza problemi sfruttano numerosi sensori. Oltre alla differenza tra dispositivi ad ala fissa e multirotori, dotati di due o più eliche, gli aeromodelli si diversificano anche per le tecnologie a bordo che facilitano la guida. 

I 7 aspetti da valutare per l’acquisto perfetto

Orientarsi tra i vari modelli di drone proposti non è facile, soprattutto per i neofiti. È importante capire quali sono le esigenze personali e cosa ci si aspetta da un aeromodello dopo l’acquisto. Ecco alcune delle principali caratteristiche da osservare.

Autonomia : di solito non superiore ai 30 minuti, è uno degli aspetti fondamentali che determina la durata delle attività. In commercio sono disponibili modelli con autonomia fino a 60 minuti o kit che comprendono più batterie, in modo da continuare a volare per più tempo.

Memoria : lo spazio destinato all’archiviazione non è molto capiente e si aggira, mediamente, attorno ai 16 GB. È dunque necessario considerare la spesa di una scheda di memoria aggiuntiva, soprattutto se si intende girare video in 4K.

Eliche e ricambi : il drone ha delle parti soggette ad usura e che possono essere sostituite. Le eliche rientrano tra queste, più esposte a danni per urti o atterraggi poco morbidi. Alcuni modelli offrono già nella confezione d’acquisto un utilissimo kit di ricambio.

Velocità raggiunta e peso : due fattori molto importanti soprattutto in considerazione della regolamentazione vigente. Superata una certa velocità in quota è infatti necessaria una certificazione di idoneità al pilotaggio, stesso discorso per il peso.

Raggio d’azione controller : essendo il drone uno strumento controllato da remoto è importante capire fino a quale distanza è possibile spingersi. Questo sia per non perdere, definitivamente, il proprio aeromodello sia per questioni legate alla sicurezza.

GPS e GLONASS : due sistemi satellitari che assolvono insieme a numerose funzioni tra cui il tracking, auto return, Follow Me e percorso guidato su mappa.

Controller : i droni possono essere pilotati attraverso smartphone e tablet. Tuttavia la presenza di un vero e proprio controller consente di gestire al meglio l’aeromodello e avere una maggiore padronanza del dispositivo.

Regole per la sicurezza 

ASSICURAZIONE E PATENTINO? ECCO QUANDO SERVONO

Secondo le attuali norme vigenti in Italia tutti i droni utilizzati per scopi ricreativi, dunque non professionali, non necessitano di alcuna autorizzazione o patente per il volo entro i 25 kg. Per i Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR) che invece devono svolgere attività diverse da quella ludica sono previste alcune norme in base al peso specifico dell’unità. Fino a un peso di 25 kg l’ENAC ha stabilito che è necessaria un’autocertificazione del pilota in cui si dichiara di conoscere le Regole dell’Aria oltre all’idoneità psicofisica. Ciò è dimostrabile solo dopo aver seguito un corso di addestramento per SAPR presso sedi autorizzate. Per adoperare, invece, velivoli di peso superiore ai 25 kg o in ogni caso per l’impiego di droni, anche di peso inferiore, all’interno di operazioni critiche, ovvero in aree affollate, ferrovie, autostrade e spiagge, è necessaria una vera e propria autorizzazione ENAC, valida 5 anni dalla data del rilascio. 

Discorso a parte per l’assicurazione. I droni sono fatti per volare principalmente all’aperto, per questo una minima distrazione può provocare danni all’ambiente, a persone o animali. L’assicurazione non è obbligatoria, anche se vivamente consigliata, per gli aeromodelli di piccole dimensioni e utilizzati per fini hobbistici. Diverso è l’approccio per i SAPR utilizzati a scopo professionale; in questo caso l’ENAC ha stabilito che i piloti debbano sottoscrivere un’assicurazione adeguata allo scopo e non inferiore ai massimali minimi determinati nel regolamento pubblicato sul sito ufficiale. 

DJI PHANTOM 4 pro v2.0

Video in 4K e design robusto

Phantom 4 Pro V2.0 si presenta con il design che ha reso famosa la serie di droni DJI ma con una struttura più robusta, realizzata in lega di titanio. A bordo è presente un sensore CMOS da 20 MP in grado di realizzare video 4K 60fps. L’autonomia risulta migliorata con una batteria che garantisce fino a 30 minuti di volo. È dotato di un sistema di trasmissione OcuSync HD che supporta la commutazione automatica della banda a doppia frequenza e si collega ai DJI Goggles in modalità wireless. 

  • Peso: 1375 gr

  • Tempo di volo massimo: 30 min

  • Doppio sistema satellitare GPS e GLONASS

  • Sensore CMOS 20 MP

  • Risoluzione video: H.264 4K a 60 fps o H.265 4K a 30 fps

  • Connessione USB

  • Radiocomando incluso

  • Sensori per rilevamento ostacoli in 5 direzioni

  • Vision Positioning System

La normativa 

Regole da seguire per pilotare un drone di aria

Quando si adopera un drone è necessario rispettare alcune norme di circolazione aeronautica. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (ENAC) ha stabilito, attraverso la realizzazione di un documento ufficiale, le linee guida da osservare mentre si utilizza un Aeromobile a Pilotaggio Remoto (APR). 

Per gli aeromobili di peso pari o inferiore ai 300 grammi

Gli aeromobili di peso pari o inferiore ai 300 grammi sono considerati dall’ENAC aeromodelli e non devono sottostare a particolari norme in quanto intrinsecamente inoffensivi, purché siano dotati di paraeliche e abbiano una velocità massima non superiore ai 60 km/h. L’ENAC stabilisce che questi dispositivi:

- Possono essere utilizzati senza attestati per il pilota

- Possono volare in zone urbane purché non ci si trovi nei pressi di un aeroporto (ad almeno 5 km di distanza), in zone riservate o in cui il volo è proibito 

È consentito l’utilizzo in presenza di altre persone ma non in luoghi particolarmente affollati come manifestazioni, concerti o sagre

- Le eventuali riprese video devono essere effettuate per utilizzi personali, non commerciali e nel rispetto della privacy

Per gli aeromobili di peso superiore ai 300 grammi
L’ENAC ha stabilito norme più stringenti per gli aeromodelli al di sopra dei 300 grammi purché utilizzati per scopo ricreativo e sportivo. Oltre a quanto già chiarito per utilizzare questi dispositivi è necessario:

- Mantenere un contatto visivo e una distanza massima dal pilota di 200 metri e un’altezza massima di 70 metri

- Non è possibile sorvolare zone urbane o parchi pubblici

- Il volo sulle spiagge non è consentito in presenza di altre persone

- Non è possibile utilizzare automatismi di volo su percorsi fuori dalla vista del pilota

- Il Regolamento ENAC non fissa una dimensione massima. Un aeromodello superiore a 300 gr e fino ai 2 kg con velocità che normalmente arriva a 60 km/h può essere considerato, per le energie in gioco, non in grado di nuocere all’incolumità altrui. Oltre i 2 kg un eventuale impatto, invece, può provocare lesioni alle persone. Una condotta responsabile, afferma l’Ente, impone di non pilotare aeromodelli sopra un certo peso senza un’adeguata capacità di pilotaggio. Ad ogni modo per la scelta del luogo in cui divertirsi con il proprio velivolo e nelle fasi di pilotaggio è sempre richiesto il buonsenso. 

DJI TELLO

Per chi si avvicina per la prima volta al mondo dei droni

Piccolo e semplice da usare, Tello di DJI è un aeromodello adatto a tutta la famiglia, in particolare a chi si avvicina per la prima volta al mondo dei droni. L’utilizzo è facilitato dall’app dedicata che consente di gestire tutte le funzionalità attraverso lo smartphone. Tello non rinuncia però alle funzionalità multimediali grazie a una fotocamera a bordo in grado di girare video in HD e scattare foto fino a 5 MP. Il velivolo atterra automaticamente quando le batterie sono in esaurimento o se si perde la connessione.   

  • Peso: 80 gr

  • Tempo massimo di volo: 13 min

  • Velocità massima: 29 Km/h

  • Foto fino a 5 MP

  • Risoluzione video: HD fino a 720p

  • Stabilizzazione elettronica dell’immagine

  • Connessione: micro USB

Acquista ora

DJI MAVIC air fly more combo

Un concentrato di potenza

Con appena quasi 17 cm di lunghezza il DJI Mavic Air Fly More Combo è il compagno di avventura perfetto, da portare sempre con sé, per realizzare documentari da mostrare ad amici e familiari. La struttura pieghevole consente un trasporto facilitato. A bordo è presente un sensore CMOS 1/2.3” che permette di realizzare video in 4K e scattare foto da 12 MP. Lo stabilizzatore a 3 assi promette immagini nitide e senza vibrazioni, la batteria assicura fino a 21 minuti di autonomia.   

  • Peso: 430 gr

  • Tempo massimo di volo: 21 min

  • Velocità massima: 68,4 km/h

  • Sistema di trasmissione video Wi-Fi che supporta una doppia frequenza di banda (2,4 / 5,8 GHz)

  • Foto fino a 12 MP

  • Risoluzione video: 4K: 30p/2.7K 60p/FHD 120p

  • Incluse 3 batterie, 6 coppie di eliche e telecomando

Paese che vai…

In vacanza con il drone

Il drone può davvero accompagnarci ovunque, anche in vacanza grazie a modelli facilmente trasportabili dotati di struttura pieghevole. In attesa che venga definitivamente approvata la nuova normativa europea, se ci si sposta in un altro Paese UE è bene informarsi sulle norme vigenti per l’utilizzo degli aeromodelli. La regolamentazione è consultabile online presso il sito ufficiale dell’ente per l’aviazione civile locale. 

In Francia

Per pilotare aeromodelli che superano gli 800 gr è necessaria la registrazione del velivolo e il possesso di un certificato di guida, ottenibile attraverso un corso online. Il volo, per attività ricreative, è consentito a una quota massima di 50 metri di altezza e 200 metri di distanza dal pilota, le riprese si possono effettuare solo per scopi personali. Sono invece consentiti senza particolari limiti i voli per droni di peso inferiore.

 
La Spagna

Ha adottato da qualche mese un nuovo regolamento che consente ai droni di peso uguale o inferiore ai 250 gr di volare su edifici e assembramenti di persone. I velivoli però non devono superare i 20 metri di altezza, le riprese possono effettuarsi solo per scopi personali, facendo sempre affidamento al buon senso. Per i droni fino a 2 kg, che possono raggiungere quota 50 metri, è invece richiesta la presenza di un secondo soggetto, oltre al pilota, che controlli la rotta.

 
In Portogallo

La normativa sembra attualmente quella meno restrittiva. Qui infatti è consentito il volo a modelli fino a 25 kg e al di sotto dei 120 metri di altezza, senza particolari richieste per il pilota e il drone. Per effettuare riprese è però necessario richiedere l’autorizzazione all’ente per l’aviazione locale. Sono naturalmente vietate le zone affollate, quelle militari e in prossimità di un aeroporto. 

PARROT BEBOP DRONE 2 FPV POWER

Un affidabile compagno di avventure

Affidabilità e resistenza sono le principali caratteristiche che descrivono Bebop Drone 2 Power di Parrot. La struttura è costruita in fibre di vetro e grilamid, per garantire la giusta leggerezza in volo, mentre il colore nero brillante dona un tocco di eleganza. Il drone è equipaggiato con sensore CMOS 1/2,3 pollici da 14 MP che consente di filmare in Full HD e scattare foto nitide. La tecnologia a bordo, associata al deep learning, permette di individuare un soggetto e di mantenerlo in modo automatico al centro dell’immagine. Stabilizzatore digitale a 3 assi ed elaborazione delle immagini restituiscono video fluidi e senza sbavature.     

  • Peso: 525 gr

  • Tempo massimo di volo: 30 min

  • Velocità massima: 65 km/h

  • Giroscopio a 3 assi, accelerometro a 3 assi, magnetometro a 3 assi

  • Sensore CMOS grandangolo da 14 MP

  • Sistema di localizzazione satellitare: GPS + GLONASS

  • Trasmissione video in HD su smartphone o tablet

Acquista ora

PARROT MAMBO FPV

Un drone per diventare un vero pilota

Parrot Mambo FPV è un quadricottero di piccole dimensioni pensato soprattutto per il divertimento, che può essere utilizzato sia all’aperto che in ambienti chiusi. Grazie alla fotocamera FPV, facilmente collegabile grazie al sistema Smart Block brevettato, e al visore Parrot Cockpitglasses 2 ci si può immergere completamente nell’esperienza di volo provando nuove sensazioni di velocità. Mambo FPV dispone di 3 modalità di pilotaggio: Easy, Drift e Racing per avere il controllo completo del drone senza alcuna assistenza alla stabilizzazione. 

  • Peso: 63 gr

  • Tempo massimo di volo: 10 min senza accessori o paraurti

  • Sensori a ultrasuoni, di pressione e telecamera

  • Software di controllo di stabilizzazione e volo

  • Fotocamera verticale da 60 FPS

  • App dedicata

Acquista ora

PARROT ANAFI

Un reporter sempre al tuo fianco

Piccolo, leggero e in grado di realizzare immagini spettacolari. È così che si presenta il nuovo Parrot Anafi, la soluzione ideale per chi desidera ottenere video di alta qualità e catturare foto straordinarie durante le proprie avventure. Grazie alla fotocamera con sensore grandangolare 4K HDR a bordo, lo stabilizzatore a 3 assi e lo zoom senza perdita di qualità fino a 2.8X sarà possibile creare filmati degni di un professionista. Anafi ha una forma compatta e pieghevole, può essere riposto in una pratica custodia per il trasporto. I quattro rotori assicurano stabilità durante le riprese e una resistenza al vento fino a 50 km/h. La fotocamera è dotata di un giunto cardanico (gimbal) inclinabile di 180° che consente di orientare l’inquadratura e visualizzare più dettagli. Grazie alla modalità Cinema 4K è possibile ottenere video nel formato 17:9, in più l’HDR migliora tutti i dettagli visibili delle riprese, riducendo al minimo l’illuminazione eccessiva e le ombre scure. Tra le altre funzioni, la possibilità di girare video in slow motion, particolarmente indicati per lo sport e la modalità Cameraman che inquadra automaticamente il soggetto. In dotazione il telecomando pieghevole Parrot Skycontroller 3 che, abbinato allo smartphone e all’app FreeFlight 6, rende la gestione delle funzioni molto semplice.   

  • Peso: 320 gr

  • Tempo di volo massimo: 25 min

  • Velocità massima 55km/h

  • Resistenza massima al vento: 50 km/h

  • Porta di ricarica: USB-C

  • Sensore: 1/2.4’’ CMOS da 21 MP

  • Risoluzione video: 4K UHD 3840x2160 24/25/30fps

  • Stabilizzazione Ibrida 3 assi

Acquista ora