L’hi-tech pensato per i bambini

Alessandra Lojacono11 GENNAIO 2023

Nella scelta di un dispositivo hi-tech destinato ai più piccoli bisogna avere delle accortezze e valutare alcuni aspetti per non sbagliare e stimolare un utilizzo costruttivo ed educativo

Regalare oggetti hi-tech a bambini e ragazzi, è un modo per farli avvicinare al mondo della tecnologia che li accompagnerà poi per tutta la vita. Se utilizzata nel modo corretto, controllando tempi e modi di fruizione, la tecnologia offre spunti interessanti ed educativi oltre che divertenti. Naturalmente nella scelta del regalo hi-tech bisogna valutare l’età del destinatario e soprattutto l'ambito di maggior interesse.

Un tablet tutto per me

Esistono in commercio tablet pensati per un utilizzo calibrato sul mondo dei bambini, con tante app da scaricare e con un sistema di parental control che permette ai genitori di stare più tranquilli quando il figlio/a sta usando il dispositivo. Sono tablet progettati per i bambini con contenuti educativi preinstallati, grafica e icone appositamente pensate per loro, giochi e naturalmente una certa resistenza a urti e cadute, oltre a un design con angoli smussati per evitare di farsi male utilizzandoli. Anche l’interfaccia grafica è stata realizzata per rendere più immediata e accattivante la user experience e l’interazione attiva.

Un drone con cui si può anche giocare

Anche i più giovani possono divertirsi “guidando” un drone. Esistono modelli che si distinguono da quelli più professionali e costosi espressamente indicati per ragazzi di età inferiore ai 14 anni quindi utilizzati per fini di gioco. Questi droni hanno dimensioni più contenute, un peso solitamente inferiore ai 250 gr, dispongono di paraeliche per potersi divertire in tutta sicurezza e sono comandati attraverso un telecomando. Per il resto si comportano come un drone “per adulti”: integrano una telecamera per realizzare foto e video di qualità, hanno una batteria ad alta capacità e funzioni di volo avanzate come il riconoscimento automatico di ostacoli, per evitare che possa rompersi accidentalmente, o il Return to Home.

Fotografi in erba

I bambini, anche i più piccoli, si divertono molto a fare e a farci fotografie. Per evitare che utilizzino il nostro smartphone, esistono diversi modelli di fotocamere per ogni fascia di età. Fino a i 6 anni è consigliabile scegliere modelli resistenti e in grado di sopportare piccole cadute, impermeabili per evitare problemi nel caso finiscano in acqua, con una batteria ricaricabile e uno slot per una scheda SD per espandere la memoria. Sono disponibili, inoltre, cornici, filtri ed effetti video che il bambino può divertirsi ad aggiungere in seguito. Dai 7 anni in su si può pensare a una fotocamera compatta, facile da utilizzare, ma che ha tutti i requisiti per introdurre al mondo della fotografia. Grazie alla possibilità di impostare manualmente i parametri di scatto come l’apertura del diaframma e il tempo di esposizione, possono creare la base ed entrare maggiormente nel merito della comprensione di quello che è necessario per realizzare degli ottimi scatti. Perfettamente adatte per i bambini sono anche le fotocamere istantanee: basta inquadrare, premere un tasto e si ottiene la stampa immediata dello scatto appena effettuato. Sono perfette anche per realizzare autoscatti e selfie e possono essere portate ovunque grazie alla leggerezza e al limitato ingombro.

Lavarsi i denti divertendosi

A partire dai 6 anni di età anche i bambini possono iniziare ad utilizzare lo spazzolino elettrico. Disponibili con raffigurati diversi personaggi, da Minnie a Frozen o Star Wars, hanno testine con setole extra morbide per proteggere anche le gengive delicate e modalità che avvisano quando lo spazzolamento è troppo forte. Inoltre, è spesso disponibile un’applicazione che aiuta i bambini a spazzolare i denti in modo indipendente e a sviluppare corrette abitudini oltre a renderlo un momento divertente da approcciare con più entusiasmo. Il timer integrato di due minuti, inoltre, regola il tempo giusto da dedicare all’igiene orale e scandisce bene il tempo che il bambino deve dedicare allo spazzolamento.

Ascoltare la musica al volume giusto

Regalare un paio di cuffie a un bambino può essere un’ottima idea non solo per l’ascolto della musica ma per seguire un cartone animato sul tablet durante un lungo viaggio in macchina. Che siano wireless o con il filo, è importante che le cuffie dedicate ai più piccoli siano confortevoli da indossare quindi leggere, con padiglioni morbidi, archetto sottile e regolabile e nello stesso tempo realizzate con materiali durevoli e resistenti a prova di “gioco”. Un altro aspetto da valutare, visto il delicato udito dei bambini, è la presenza di un limitatore di volume anche se comunque in generale questi modelli hanno il raggiungimento massimo di emissione del suono tra gli 85 e i 93 decibel. Ma i bambini oltre ad ascoltare musica amano anche suonare e un dispositivo hi-tech originale che può farli felici è la tastiera musicale, leggera e portatile: esistono diversi modelli realizzati appositamente per le loro piccole dita quindi con tasti piccoli, tasti per riprodurre suoni e toni della tromba o della batteria, diversi modelli di ritmo di vari generi musicali oltre a brani integrati da riprodurre insieme.

Per ogni età la console giusta

Perfetto come regalo per i bambini, ma non solo, è la console per videogiocare che possa coinvolgere anche gli altri componenti della famiglia. Perfetta per i bambini che frequentano i primi anni delle elementari è sicuramente la Nintendo Switch, la console ideale per giocare sul TV ma anche in modalità portatile. È possibile collegare fino a 8 console per divertirsi in multiplayer o in modalità online con amici lontani e persone di tutto il mondo. Per i più grandicelli si può optare per una console di nuova generazione come PlayStation 5 o Xbox Series S in grado di restituire immagini ad alta definizione ed estremamente realistiche oltre a un audio 3D coinvolgente e immersivo che fa sentire al centro dell’esperienza di gioco. Grazie alla presenza di CPU e GPU potenti, unità SSD personalizzate, le console next gen regalano elevate prestazioni.

Wearable per avere la situazione sotto controllo, anche i genitori…

I wearable dedicati ai bambini non solo incoraggiano al movimento e monitorano l’attività quotidiana ma offrono la possibilità di partecipare a giochi e quiz, scoprire nuove avventure e ricevere premi al raggiungimento degli obiettivi. Gli smartwatch realizzati per i bambini hanno display colorati con quadranti da personalizzare, cinturini che si regolano per adattarsi anche ai polsi più piccoli che si possono scegliere in base ai temi a loro dedicati, sono resistenti e impermeabili, pronti per affrontare le più diverse situazioni. Inoltre, i genitori possono utilizzare l’app dedicata per assegnare compiti, elargire ricompense, visualizzare le attività dei figli, in più la presenza del GPS integrato consente di sapere esattamente dove si trovano potendo creare anche delle “zone di sicurezza” che permettono al genitore di ricevere notifiche quando il bambino entra o esce da queste aree prestabilite, molto utile soprattutto quando si tratta di bimbi più piccoli. Tra le funzioni più comuni che si possono trovare in alcuni modelli di wearable dedicati ai bambini c’è la connettività telefonica e dati per poter comunicare e inviare messaggi.

MediaWorld Magazine è una testata giornalistica di informazione tecnologica registrata presso il tribunale di Monza n. 1408 del 24/06/1999