Hi-tech all'aria aperta

Autori vari 11 MARZO 2022

Sole, tempo di gite, escursioni, weekend al mare e attività all’aria aperta. La tecnologia che ci accompagna deve essere compatta e leggera, consentire la massima libertà nei movimenti, ma anche dotata di resistenza per rispondere agli imprevisti e alle “insidie” della bella stagione

aria aperta intro

Con l’arrivo della primavera cresce la voglia di trascorrere più tempo all’aria aperta, iniziano le prime fughe dalla città, viene voglia di mettersi in sella alle bici o percorrere tragitti con hoverboard monopattini elettrici , organizzare pic-nic all’aria aperta con gli amici e la famiglia, partire per trekking in montagna o affrontare lunghe passeggiate. Naturalmente per rendere più piacevoli questi momenti non possono mancare gli inseparabili dispositivi tecnologici , sono tanti e differenti e possono assecondare ogni tipo di attività all’aria aperta e la voglia di divertimento : dai wearable come fitness band e smartwatch, agli speaker wireless, agli ebook reader , alle action cam fotocamere , fino agli smartphone di ultima generazione, pronti a catturare e filmare ogni attimo con una qualità fotografica incredibile. Caratteristiche che decretano la portabilità rendendo un dispositivo ideale per le attività outdoor sono la leggerezza , una buona autonomia , la resistenza all’acqua e alla polvere, agli urti e alle cadute.

I fattori outdoor

Le caratteristiche dei dispositivi per stare all’aria aperta

leggerezza

LEGGEREZZA E COMPATTEZZA Dimensioni compatte e peso sono fattori rilevanti per un dispositivo outdoor , specie se indossabile. Ci sono auricolari da 20 grammi e activity tracker che pesano poco di più fotocamere compatte action cam così leggere che in meno di 100 gr possono essere attaccate al casco o a un’imbragatura, dando la sensazione di non esistere nemmeno. Poi ci sono speaker wireless portatili così compatti da stare in uno zaino , ma guai a crederli meno potenti: proprio perché nati per dare il meglio all’aperto, sono capaci di una potenza incredibile che risuonerà per decine di metri in grandi spazi.

autonomia

AUTONOMIA - La capacità della batteria di un dispositivo è indicata in mAh (milliampereora) : più è grande questo valore e maggiore è la carica della batteria. Quando andiamo via, teniamo conto che uno smartphone può “resistere” fino a un paio di giorni, ma GPS e altre funzioni di tracking possono prosciugare rapidamente le riserve di energia . Alcuni indossabili come activity tracker vantano un’autonomia di diversi giorni , mentre gli smartwatch, essendo prodotti più completi, consumano di più. In ogni caso, quando l’autonomia ci sta per abbandonare, ci sono i power bank portatili, per le situazioni di emergenza.

resistenza

RESISTENZA AD ACQUA E POLVERE - Questo parametro si ricava dalle informazioni fornite dal grado dello standard di protezione IP . Si tratta di un valore composto da due numeri: il primo va da 0 a 6 e indica la resistenza alla penetrazione di corpi solidi estranei, come la polvere. Il secondo indica il grado di impermeabilità e va da 0 a 8. Per un prodotto da usare all’aria aperta può bastare un IP5X (protetto contro la polvere) che resiste al sudore e alle gocce d’acqua; per la piscina o il mare, meglio scegliere almeno un IPX7.

visibilità

VISIBILITÀ DEL DISPLAY SOTTO IL SOLE - Per leggere bene su un display quando siamo all’aperto, magari sotto il sole, serve visibilità anche in piena luce. Per questo, sono state sviluppate soluzioni ad hoc, come gli schermi antiriflesso e tecnologie che permettono un maggior livello di contrasto (display OLED, LCD, e-ink, ecc). Nel caso di un activity tracker in cui serve solo leggere dei dati, un display monocromatico può bastare.

Custodie

L’hi-tech indistruttibile

Non tutti i dispositivi nascono robusti e resistenti a certi standard: per questo è bene proteggerli adeguatamente in certi contesti “open air”, per non comprometterne il corretto funzionamento . Per esempio, offrendo una protezione extra con una custodia waterproof ma anche per tutelarli da altre insidie, come la polvere, la sabbia e minuscoli corpi solidi che possono “insinuarsi” compromettendoli. Molte custodie offrono una protezione rinforzata agli angoli e sono costruite con materiali anti shock elastici , per attutire l’impatto di una caduta dissipando le vibrazioni di un eventuale urto. 

Tecnologia indossabile per chi si sente attivo

Se abbiamo intenzione di trascorrere una giornata o un weekend all’insegna dello sport e del movimento, che sia in bicicletta o sui roller, correndo o facendo rafting tra le rapide, un wearable è un ottimo compagno di viaggio.

indossabili

Smartwatch e activity tracker sono dispostivi che garantiscono leggerezza e libertà di azione , pronti a registrare progressi, distanza percorsa, calorie bruciate e una serie di parametri vitali, senza però farci mai perdere il contatto con la “realtà” quotidiana di telefonate, messaggi, chat, ecc. Smartwatch e fitness band sono dispositivi simili, ma differenti: gli smartwatch sono più “complessi”, hanno un proprio sistema operativo con app e alcuni permettono anche di rispondere al telefono o di effettuare piccoli pagamenti con NFC, grazie alla connettività cellulare integrata. Gli activity tracker invece necessitano di essere collegati via Bluetooth a uno smartphone e hanno una vocazione specifica e mirata, con tanti sensori e funzioni dedicate espressamente allo sport . Entrambi i wearable integrano sensori evoluti per attività di fitness e di life monitoring, come il rilevamento del battito cardiaco e della qualità del sonno . Ma mentre di norma gli smartwatch integrano anche il GPS, questo è presente solo su alcuni braccialetti fitness “top di gamma”, un parametro di cui tenere conto se vogliamo evitare di portare lo smartphone nelle nostre evoluzioni sportive. Per muoversi con agilità in sella a una bici, correndo o passeggiando in montagna avere le mani libere è un grande vantaggio. Se proprio non possiamo fare a meno di rispondere al telefono o desideriamo ascoltare musica come sottofondo delle nostre escursioni, un buon paio di cuffie o auricolari senza fili danno tutta la libertà che cerchiamo, senza comunque isolarci dai rumori circostanti. Niente cavi o grovigli, solo leggerezza e comfort, le nostre mani sono fisse sul manubrio e le braccia libere di seguire il corpo mentre corriamo.

Relax e divertimento

relax

Sdraiati all’ombra di un grande albero, durante un pic-nic in riva al fiume o in una festa in terrazza: in questi momenti può forse mancare la musica? Basta infilare in una borsa o nello zaino uno speaker wireless e portare la musica dove vogliamo . Non facciamoci ingannare dalle loro piccole dimensioni: il suono esce potente, con bassi che “tuonano” , e se vogliamo, anche a tutto volume senza alcuna distorsione. Una vera discoteca all’aria aperta, senza bisogno di portarsi altro. Completa il tutto una batteria ad elevata autonomia per ballare dall’alba al tramonto senza interruzioni e la possibilità di creare un vero effetto stereo collegando via Bluetooth più diffusori tra loro. Se invece una gita all’aria aperta è sinonimo di silenzio, pace, tranquillità, da assecondare con una buona lettura non possono mancare un ebook reader o un tablet che sono ergonomici per poterli tenere in mano per ore , impugnandoli anche con una mano sola, leggibili in ogni condizione di luce e resistenti all’acqua e alle cadute. In quest’ultimo caso lo si può dotare di cover appositamente realizzate per affrontare ogni tipo di avventura.

Una “botta” di energia subito pronta per le “emergenze”

energia

Può capitare che i dispositivi si possano scaricare sul più bello: con l’uso intensivo, per esempio di localizzazione o con la riproduzione continua di musica e app, l’autonomia può non reggere fino a fine giornata. Meglio prevenire, specie quando si parte per un weekend, portandosi dietro un buon power bank . Esistono con batterie di diversa capacità, dai 5.000 ai 20.000 mAh ; i più compatti stanno in borsa - alcuni anche in tasca - senza pesare troppo nella dotazione da viaggio. L’ultima frontiera della ricarica è quella fast charge wireless, ultra veloce senza fili , attraverso un campo elettromagnetico che si sviluppa avvicinando tra loro un dispositivo da caricare a un apposito pad di ricarica. 

Largo alla mobilità elettrica

Finalmente è arrivata la bella stagione e la voglia di divertirsi all’aria aperta è più forte che mai. Gli appassionati di hi-tech hanno l’imbarazzo della scelta tra i tanti mezzi di mobilità elettrica personale a disposizione: hoverboard biciclette a pedalata assisitita monopattini elettrici . Molto popolari sono sicuramente gli hoverboard , pedane auto bilancianti che assumono sempre più forme e colori sgargianti. Ma non sono solo un mezzo per effettuare incredibili evoluzioni basandosi solo sull’equilibrio, possono anche diventare diffusori musicali per ascoltare i propri brani preferiti in compagnia degli amici o addirittura trasformarsi in mini kart per sfide pazze e avvincenti. Anche i monopattini elettrici sono diventati un mezzo di trasporto utile e divertente sempre più diffuso. L’aspetto resta quasi invariato rispetto alla sua controparte non motorizzata, ma sotto il telaio si cela un motore piccolo ma potente alimentato da performanti batterie al litio. Anche le biciclette elettriche sono molto diffuse per muoversi con semplicità soprattutto per le vie della città . Sono disponibili in dimensioni e formati diversi anche completamente richiudibili.

MediaWorld Magazine è una testata giornalistica di informazione tecnologica registrata presso il tribunale di Monza n. 1408 del 24/06/1999